Arts & Culture

QUAL E’ LA STRADA DELL’UOMO NUOVO?

Che cosa sta succedendo ora in quest’epoca dove orde di giovani annoiati e “senza valori” prendono di mira compagni più inermi da portarli al suicidio o anziani arrivando oltre la mancanza di rispetto, quasi a sfiorare l’omicidio.

Generazioni di giovani annoiati che sembrano essersi moltiplicati in maniera esponenziale negli ultimi anni. Non c’è giornale, social o tg che non tratti di notizie di bullismo adolescenziale con una routine che dopo lo sgomento iniziale ci fa porre la domanda: Che cosa sta succedendo? Come è possibile che si sia arrivati a questo tipo di umanità.

Forse la risposta ce la può dare l’antropo-poiesi. L’uomo attuale proviene da un lungo percorso che attraverso la storia si è costruito e plasmato sotto la guida di modelli culturali diventando individuo. Per far emergere questi modelli c’è stato bisogno che l’uomo iniziasse a stare in posizione eretta così che con le mani libere potesse sviluppare la capacità cranica nel costruire oggetti che vanno al di fuori del suo corpo creando la cultura e la trasmissione.

Continuando a plasmare l’ambiente che lo circonda l’uomo plasma sé stesso. Non a caso André Leroi-Gourhan affermerà che l’uomo è incominciato dai piedi e dopo dallo sviluppo cerebrale. In un continuo processo di riorganizzazione e ridefinizione gli uomini costruiscono e plasmano di volta in volta i loro ambienti sociali e culturali in base alle esigenze specifiche della società o dell’ambiente naturale: attrezzi, caccia, organizzazione familiare, arte, religione e scienza modellano l’uomo come individuo e quindi sono necessari non solo per la sopravvivenza del gruppo ma anche per la sua personale realizzazione esistenziale.

2838811101_3a26320165_o-1024x813 QUAL E’ LA STRADA DELL’UOMO NUOVO?

È nell’educazione a determinati modelli che si cerca di trasmettere un particolare tipo di uomo.  E’ soprattutto quando si tratta di plasmare i nuovi individui secondo le proprie idee di umanità che la comunità fa valere la propria forza determinante. L’uomo diventa un prodotto della cultura, individuo accettato nella società che gli ha dato uno scopo e una direzione attraverso modelli educativi specifici. Le iniziazioni, l’isolamento, il passaggio all’età adulta e l’accettazione all’interno del gruppo fanno sì che il soggetto prenda una strada definita per quello che dovrà essere la sua vita e di quello che ci si aspetterà da lui come individuo.

Questo passaggio vissuto nelle civiltà come una morte e una rinascita e ispirato dalla nascita degli uccelli (secondo le origini gli uccelli nascono due volte: la prima volta con la deposizione dell’uovo, la seconda con la sua schiusa) erano le basi per completare e rifinire l’individuo. Nell’epoca moderna l’uomo non rinasce una seconda volta, elimina tutti i riti di passaggio andando a perdere quei modelli che ne indirizzano la vita e il suo scopo nella società.

Senza la cultura l’uomo non si completa, non si rifinisce e diventa un puro caos di azioni senza scopo ed emozioni in tumulto

Ed è da questa perdita che inizia tutto il declino dell’uomo. Questo furore adolescenziale non trova una canalizzazione poiché  in primis le istituzioni sociali moderne sono impreparate a fondare un’umanità più adulta e responsabile. Una volte persi tutti vecchi modelli culturali e che il progresso ha guardato come superstizioni prive di ogni fondamento ai giovani non resta che la noia attraversata dalla voglia di distruggere tutto ciò che intorno a essi testimonia a favore dell’umanità e della storia.

Fotolia_77036365_Subscription_Monthly_XL-1016x1024 QUAL E’ LA STRADA DELL’UOMO NUOVO?

Le dittature passate hanno provato a dare un nuovo modello culturale più adeguato a quel tempo, ma non hanno fatto altro che aumentare e giustificare la voglia di distruzione di giovani adolescenti annoiati. Abbandonati a loro stessi gli adolescenti vengono lasciati senza modelli da seguire in un’infinità di informazioni e stimoli derivati da moderna tecnologia, social e scienza non riuscendo a focalizzarsi su nulla ma estrapolando solo informazioni sporadiche.

La storia moderna con il suo rifiuto e la condanna dei rituali delle società tradizionali non si è posta la domanda più importante: Quali modelli di umanità perseguire adesso? E la risposta è nessuna.

Previous post

TRA LE OSSA DI MILANO. SAN BERNARDINO ALLE OSSA

Next post

ATHWART TABLE

The Author

Sandra Rinaldi

Sandra Rinaldi