Arts & Culture

APOCRYPHAL MESSENGERS

Angeli senza ali.

Ragazzi e Dèi. Con queste immagini presentate durante i mesi di giugno e luglio a NY e Berlino, il fotografo argentino Armando Frezze Durand, mostra una nuova generazione di angeli portati a diventare i nuovi messaggeri urbani. Annunciatori che portano dalle reti nuove soggettività con nuovi credenti e nuovi codici sociali.

Instagram, Snapchat, i like, le emoticon. Tutto ciò impone a dover riflettere sulle nuove divinità di oggi. Chi ammiriamo? Chi seguiamo o spiamo la vita. Una privacy sempre più assottigliata, una vita fatta di immagini che ottengono migliaia di “mi piace” al giorno.

MG_4281 APOCRYPHAL MESSENGERS

Con Apocryphal Messengers, Armando Frezze Durand prende spunto per il suo lavoro dalle pitture degli angeli andini del XVII secolo, reinterpretandone i volti efebici attraverso Nicolas e Franco, angeli urbani, guerrieri del nuovo millennio.

Il lavoro finale rappresenta una convergenza tra il vecchio e il nuovo mondo combinando gli elementi iconografici approdati in America dopo la conquista europea. Gli aborigeni in Sudamerica dipinsero gli angeli agghindati con gli abiti dei colonizzatori/predicatori secondo l’usanza militare spagnola e gli archibugi. Nasce il barocco andino che tra iconografie cristiane e stili europei rivisitati, rivelano tutta la forza espressiva degli indios e la spiritualità della loro religione originaria.

MG_4238 APOCRYPHAL MESSENGERSMG_4220 APOCRYPHAL MESSENGERS

Prendendo come punto di partenza l’essenza della forza contenuta nell’atteggiamento di questi giovani individui e la loro immagine, questi nuovi angeli invece, in una nuova conversione di fede contemporanea, sono ritratti mostrando la loro forza evangelizzatrice: la nudità e la storia della loro pelle, ridefinendo il senso della bellezza maschile in questo nuovo crocevia tra il nuovo e il vecchio mondo.



Previous post

ANDRES SERRANO. SALVATION THE HOLY LAND

Next post

FIGURE CONTRO. FOTOGRAFIA DELLA DIFFERENZA

The Author

Redazione

Redazione