Arts & CultureBooks

DEEP SPRINGS

Con una visione poetica Sam Contis, ci narra il sogno americano esplorando la costruzione del mito e dell’identità maschile

Deep Springs è il primo di libro di Sam Contis, giovane fotografa californiana classe 1982. Laureata presso l’Università di Yale con un Master of fine Art (MFA) e un Bachelor of Arts (BFA) alla New York University, il suo lavoro è rappresentato nelle collezioni del LACMA e della Galleria d’Arte dell’Università di Yale e recentemente è stato esposto presso il Fotomuseum Anversa, la Galleria Luisotti a Los Angeles e la Klaus von Nichtssagend Gallery di New York. Per la prima volta quest’anno sarà esposta una sua personale al museo d’arte di Berkeley.

Negli scatti di Contis, viene racchiusa tutta la bellezza del deserto, della siccità, dei film di Hollywood, del caldo, dei cowboy, della libertà e dello spazio aperto, in una narrazione visiva di un ideale americano dove le fotografie delle distese di sabbia sconfinata si accompagnano agli scatti dei particolari delle rocce, della terra e dei ragazzi, protagonisti della vita del college maschile di Arti Libere ubicato in una valle remota del deserto della Sierra Nevada.

deep-sping-mack01 DEEP SPRINGS

Fondato nel 1917 dal pioniere L.L.Nunn, l’intento era quello di definire e modellare attraverso la vita comunitaria del collegio, una corrente di pensiero che avesse a pieno lo spirito e gli ideali di libertà e della vita in condivisione di questi ragazzi; futuri uomini.

Contis, ci mostra uno spaccato di vita narrandocelo con originalità attraverso i suoi scatti fotografici e accompagnandoli da una selezione di fotografie fatte dagli studenti all’inizio del ‘900 e scoperti nella libreria universitaria del college. Inserite nelle pagine del libro quasi come fossero degli appunti o delle note a piè di pagina, ci svelano la vita dei primi allievi offrendoci così una chiave temporale tra passato e presente. Con una visione poetica ci narra il sogno del mito americano del ragazzo forgiato per essere un uomo. Pieni di poesia i panni stesi ad asciugare al vento o i ragazzi ritratti di schiena mentre nuotano e giocano.


In ogni singolo scatto esplora la costruzione del mito e dell’identità maschile che si viene a creare nel momento in cu le regole di interazione sociali di convivenza si instaurano all’interno di adolescenti che creano un gruppo. Dai passatempi ai lavori manuali collettivi, gli studenti si gestiscono il ranch e la fattoria su cui si trova l’università durante i due anni di residenza.

Sam Contis ci mostra ragazzi che lottano, dormono, cavalcano, si riposano o effettuano lavori manuali, concentrandosi sui particolari anatomici dei corpi di questi ragazzi, mostrandone contemporaneamente sia il lato virile che il lato sinuoso e ancora fanciullesco che il passaggio dall’adolescenza alla maturità non è riuscita ancora a modificare. I primi piani rivelano le linee e i contorni di una mano, di un collo, un gomito o una schiena. Ne mostra l’evoluzione da ragazzo ad adulto.


 


Deep Springs racconta una storia, appena si apre la copertina e si inizia a sfogliare le pagine del libro si rimane catturati dalla bellezza e dalla finezza delle foto, nessun testo, a parlare ci pensano le immagini che catturano in un istante un tempo e un luogo indefinito.

Deep Springs


Sam Contis
MACK
pp.152 – 2017
40,00€  

Previous post

LP

Next post

THE STREET IS WATCHING

The Author

Redazione

Redazione