Arts & CultureBooks

GUY BOURDIN POLAROIDS

È come avventurarsi nel mondo più personale di Guy Bourdin, immagini di interni, stanze scure, località balneari, arti di gambe e braccia disincarnate che penetrano nella cornice.

Guy Bourdin è stato tra i Maestri della fotografia glamour e di moda del millennio passato. Difficile non restare catturati dai suoi scatti, i suoi colori, il suo erotismo mostrato dove il corpo della donna viene esaltato in ambientazioni essenziali, pure.

Al pari degli artisti minimalisti, nei suoi scatti tutto ciò che è superfluo per la narrazione viene omesso, rimane la presenza del corpo della modella, i colori degli sfondi, piatti e carichi come in un quadro di Kazimir Malevich.

guy-bourdin.3 GUY BOURDIN  POLAROIDS

Dalle ambientazioni e narrazioni surreali intrise di erotismo e minaccia – e in questo molto c’è del suo Maestro Man Ray che fece della fotografia il mezzo prediletto per le sue narrazioni artistiche – Guy Bourdin è un insieme eclettico di arte e fotografia.

In questo libro edito dalla Éditions xavier Barral, sono state racchiuse e selezionate circa 98 polaroid scattate dal Maestro in un arco di tempo che va dagli anni ’70 agli ’80 del ‘900, molte delle quali rimaste inedite fino ad ora.

guy-bourdin.2 GUY BOURDIN  POLAROIDS

È come avventurarsi nel mondo più personale di Guy Bourdin, immagini di interni, stanze scure, località balneari, arti di gambe e braccia disincarnate che penetrano nella cornice, in cui si riconosce – pur risentendo della vulnerabilità data dall’esclusione della sicurezza della fotografia di moda – tutta la carica erotica e sensuale che i soggetti ritratti emanano in quei pochi centimetri di pellicola.

Viene mostrata una sessualità reale nella vita reale, a tratti sinistra e minacciosa, come se qualcosa dovesse accadere da un momento all’altro. Se da una parte molte delle pellicole ritraggono modelle in pose prestabilite, altre invece sembrano scatti rubati alla realtà della normalità, come fotografie di un album di famiglia.



Su tutti la particolarità che li accomuna nei colori carichi con la tipica patina verdognola del tempo o quel bianco e nero che tende all’ocra o al color seppia. Avventurarsi in questi scatti così distanti dalle tipiche foto di moda di Bourdin, aiutano a capire un po’ di più il pensiero e l’estetica che guidava la mano del Maestro.

Come in un vaso di Pandora, una volta aperto il coperchio, quello che ne scaturisce sono sensazioni ed emozioni in una gamma di percezioni visive e personali che vanno dal fantastico all’onirico fino al metafisico e alla realtà umana.


 


GUY BOURDIN POLAROIDS


éditions Xavier Barral
pp.128 – 25,00 €

Previous post

ALBERT WATSON FASHION, PORTRAITS & LANDSCAPES

Next post

STREET PHOTOGRAPHY

The Author

Redazione

Redazione