Arts & CultureExhibitions

SERGIO SARRI. OPERE 1967 – 2017

Milano, Robilant + Voena, 24 febbraio – 2 aprile 2017

Il Pop al tempo delle macchine, il Pop al tempo dell’Uomo – Macchina. Il Pop di Sergio Sarri.

Presentato alla galleria Robilant+Voena di Milano dal 24 febbraio al 2 aprile 2017 nella mostra “Sergio Sarri. Opere 1967 – 2017”, il lavoro di Sarri si nutre sì dei mass-media, della pubblicità, della televisione, del cinema ma concentra la propria profetica riflessione sul difficile rapporto tra l’uomo e la macchina dall’era della prima tecnologia a oggi, epoca in cui la robotica si è fatta infinitesimamente piccola, ma infinitamente presente nelle nostre vite.

La personale, che presenta circa trenta tele di medio e grande formato, si pone come una vera e propria antologica che rende conto dei cinquanta anni di carriera dell’artista e lo propone come uno dei protagonisti di una Pop Art specifica del Nord Italia che si discosta da quella romana, più nota, e – guardando soprattutto alle esperienze europee inglesi e francesi – dà esiti di grande complessità e raffinatezza.

Dopo un Grand Tour che lo ha portato negli Stati Uniti e in Europa a metà degli anni Sessanta, Sarri torna in Italia e, facendo dapprima riferimento al cinema sperimentale – “Metropolis” di Fritz Lang, tra gli altri, rimane per lui un cardine da un punto di vista concettuale e di immaginario visivo -, dà il via alla difficilissima sfida di considerare la pittura un linguaggio d’avanguardia.

sarri7 SERGIO SARRI. OPERE 1967 – 2017
Sergio Sarri, Trasfusione A-B, 1976, acrilici su tela, 73×145 cm (dittico)

I suoi dipinti, glacialmente analitici, freddi nella loro precisione, esibiscono frammenti di corpi che fanno pensare a una visionarietà sadomasochista. Emblematico, in questo senso, Studio con piccolo attrezzo sonda e schermo con figura, acrilico su tela del 1975, esposto negli spazi della galleria milanese.

Scrive il curatore Walter Guadagnini nel suo testo in catalogo: “A ben vedere, i corpi dipinti da Sarri sono scomposti, agglomerati di carni che danno vita ad arti o teste indecifrabili, in parte coperti da strani elementi da immaginario fetish, in parte vestiti con banali abiti borghesi”. Sarri si fa precursore di una figura umana con inserti di anatomie meccaniche, robot, corpi mutanti, fatti a pezzi e restituiti alla visione in modo quasi pornografico, come nel dittico Trasfusione A-B del 1976.

Molteplici le fonti che lo ispirano: non solo rimandi all’arte d’avanguardia, ma anche elementi provenienti da linguaggi considerati “minori” come il fumetto -fondamentale per lui l’esperienza di Corto Maltese-, l’illustrazione, il cinema di genere. Profonda è pure la conoscenza delle immagini pubblicitarie che Sarri raccoglie in ritagli di giornali per rimontarle ed utilizzarle in un secondo momento nella costruzione del suo lavoro.

sarri8 SERGIO SARRI. OPERE 1967 – 2017
Sergio Sarri, Studio per Belle de Jour (omaggio a Bunuel), 1985, acrilico su tela, 55×40 cm

A Sarri interessa inventare un mondo, non replicare quello esistente, parlare di utopie e di scenari futuribili. Difficile da classificare e definire, Sarri è un pittore raffinato che ha superato anagraficamente il Pop dopo averlo contaminato con la sfera concettuale.

Sarri ha iniziato a costruire il suo mondo parallelo – conclude Guadagnini – mescolando ancor più le fonti, frammentando ancor più i racconti, dimostrando una volta ancora, dopo cinquant’anni di pittura, di avere gli occhi ben fissi sul mondo, e di avere ancora la forza di immaginarne altri”.

informazioni utili

Sergio Sarri. Opere 1967 – 2017
Robilant + Voena, Via Fontana 16, Milano
24 febbraio – 2 aprile 2017
Chiuso sabato e domenica
Ingresso libero
02. 805 6179

 

Previous post

CONIGLIOVIOLA. LE NOTTI DI TINO DI BAGDAD

Next post

LIFE - MAGNUM. IL FOTOGIORNALISMO CHE HA FATTO LA STORIA, Fotografie di Eve Arnold, Werner Bischof, Bruno Barbey, Cornell Capa, Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, Bruce Davidson, Elliott Erwitt, Ernst Haas, Philippe Halsman, Inge Morath, Dennis Stock

The Author

Redazione

Redazione