Arts & CultureExhibitions

Robert Doisneau. ICONES

Valle d'Aosta, Forte di Bard, prorogata fino al 14 maggio 2017 dopo il grande successo di visite ottenute

Robert Doisneau. Icônes, a cura dell’Atelier Robert Doisneau di Parigi e dell’Associazione Forte di Bard presenta una nuova selezione di fotografie realizzate dal grande artista francese nel corso della sua straordinaria carriera. Fil rouge del percorso la iconicità delle immagini, quelle che maggiormente hanno saputo conquistare l’immaginario collettivo e il grande pubblico, a partire dal celebre bacio del 1950, Le baiser de l’Hôtel de ville.

Doisneau viene definito per i suoi ritratti e la sua straordinaria capacità di raccontare la realtà nella sua quotidianità, un esponente della “fotografia umanista”. E’ lui, meglio di ogni altro, ad aver immortalato i miti e le icone della Parigi del ‘900, cogliendone appieno il loro fascino. Attraversando la Ville Lumière dalle rive della Senna (Pont d’Iéna, Paris 1945) sino alle periferie operaie (La poterne des peupliers, 1934), racconta la Parigi degli innamorati (La dernière valse du 14 juillet, 1949; Baiser Blotto, 1950), quella dei bistrot (Mademoiselle Anita, 1951), quella degli atelier di moda e quella dei bambini di strada (Les enfants de la Place Hébert, 1957; Les frères, 1934; L’enfant Papillon, 1945) e degli scolari (L’information scolaire, 1956), regalando un monumentale affresco di Parigi e dei parigini, immortalando gli aspetti più curiosi e le contraddizioni della società francese. I soggetti che lo hanno reso celebre nel mondo sono i bambini e gli innamorati. In mostra anche i ritratti di personalità quali Picasso, Giacometti, Prévert (Les petits pains de Picasso, 1952; Giacometti dans son atelier, Paris 1957; Prévert au guéridon, 1948).

Le-plongeur-du-Pont-dIena-Paris-1945-HD-Photographies-©-Atelier-Robert-Doisneau Robert Doisneau. ICONES
Le plongeur du Pont d’Iena, Paris 1945 HD Photographies © Atelier Robert Doisneau

Insieme ad Henry Cartier-Bresson è considerato uno dei padri fondatori del fotogiornalismo di strada. Al centro della sua fotografia c’è l’uomo con le sue emozioni, spesso colte nei momenti surreali che si presentano nella vita di tutti i giorni (Le regard oblique, 1948; L’enfer, 1952). Doisneau nei suoi scatti utilizza il registro ironico sposandolo a quello poetico. La sua abilità unica nel cogliere le emozioni gli deriva dalla sua capacità di immergersi totalmente nella realtà che lo circonda, tanto che lui amava definirsi poeticamente un pescatore di immagini in opposizione ai fotografi cacciatori.

La sua visione del mondo e della fotografia la riassume lui stesso: “Quello che io cercavo di mostrare era un mondo dove mi sarei sentito bene, dove le persone sarebbero state gentili, dove avrei trovato la tenerezza che speravo di ricevere. Le mie foto erano come una prova che questo mondo può esistere“.

Les-frères-rue-du-Docteur-Lecène-1934-Photographies©-Atelier-Robert-Doisneau Robert Doisneau. ICONES
Les frères, rue du Docteur Lecène, 1934 Photographies© Atelier Robert Doisneau

La mostra al Forte di Bard sarà arricchita da un’intervista inedita alle due figlie dell’artista, Annette Doisneau e Francine Deroudille che nell’appartamento dove Robert Doisneau aveva lavorato per più di 50 anni, hanno dato vita ad un Atelier dove sono conservati oltre 450 000 negativi. Inoltre, saranno esposte alcune immagini stampate in grande formato, la fedelissima maquette dell’Atelier del fotografo in Place Jules Ferry, 46 a Montrouge (Parigi) realizzata dalla nipote Sonia Arnstam, una selezione di citazioni del fotografo e alcuni video.

 

Informazioni utili

Robert Doisneau. Icônes Associazione
Forte di Bard
0125 833811

Previous post

LIFE - MAGNUM. IL FOTOGIORNALISMO CHE HA FATTO LA STORIA, Fotografie di Eve Arnold, Werner Bischof, Bruno Barbey, Cornell Capa, Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, Bruce Davidson, Elliott Erwitt, Ernst Haas, Philippe Halsman, Inge Morath, Dennis Stock

Next post

I MERAVIGLIOSI CORPI ZOOMORFI DI CRYSTAL MOREY

The Author

Redazione

Redazione