Biz

Alessandro trincone

L'Oriente in casa.

Napoletano con alle spalle tutta la storia partenopea per la sartoria, Alessandro Trincone è riuscito a declinare questa tradizione combinando moda, oriente e italianità nella realizzazione dei suoi abiti. La sua collezione si chiama Annodami, e il suo talento si è spinto fino a calcare le passerelle della New York Week, attraverso il progetto VFiles per i designer emergenti. Il suo stile si discosta da tutto ciò che può essere ordinario o fashion. Con un approccio all’arte ha realizzato abiti unici nel suo genere, androgini che ricordano i tipici abiti tradizionali giapponesi.

I suoi modelli sembrano usciti da un’opera di Hokusai o Utamaro. Intrecci, pieghe e nodi prendono vita e si muovono come le vesti nelle opere barocche del Bernini. Piene di dettagli Alessandro è riuscito a dare un’anima viva alle sue creazioni elevando l’artigianato sartoriale del Made in Italy con il rigore della cultura del Sol Levante.

ale-trincone Alessandro trincone

C’è stato un momento particolare della tua vita in cui hai capito che la moda era quello che volevi fare?

Ho capito di aver intrapreso il mio giusto cammino non appena mi ci sono ritrovato all’interno. É tutto capito per caso, dopo il liceo non sapevo cosa fare, a soli 18 anni, ed ho iniziato a pensare ai miei interessi, tra cui la moda. Ci ho provato e mi é andata bene. Diciamo che sono stato fortunato.

Ci puoi raccontare il tuo percorso di studi?

2009-2012: laurea triennale in “Scienze della Moda e del Costume” presso. La Sapienza di Roma. 2012-2013: master in “Fashion Design & Styling” presso lo IED Firenze. 2013-2015: diploma triennale in “Fashion Design” presso il Polimoda, Firenze. 2015-2016: borsa di studio in “Fashion Design” presso Osaka Bunka Fashion College, Giappone.

Chi sono gli stilisti che senti più vicino al tuo stile o che ti ispirano?

Gli stilisti che sento piu vicini a me sono Jhon Galliano, Joseph Font e Thom Browne

Quanto la tua italianità e la tua napoletanità influiscono sul tuo background artistico?

Beh, diciamo che mi ispiro sempre sulle mie esperienze personali, ed essendo italiano, la mia italianità e sartorialità credo che influiscono un pó nella mia creatività. Anche se credo di far parte più della Haute Couture francese per quanto riguarda il mio stile e i miei volumi.

6 Alessandro trincone

Napoli ha una lunga tradizione sartoriale. Pensi sia ancora così o si debba rinnovare? C’è ancora voglia di un bel vestito confezionato su misura?

Francamente, credo che il vestito su misura si farà per sempre. Infondo, chi non vorrebbe un abito su misura e che calzi a pennello?

La lettura continua

Leggi tutta l’intervista su Noseer

Previous post

LA MIA LIBERTÀ FINISCE NEL MOMENTO IN CUI SCELGO PER ME STESSO

Next post

BEOSOUND SHAPE - BENG & OLUFSEN

The Author

Giovanna Dorsini

Giovanna Dorsini