LifeStyle

Alemanna di Nascita ma Catalana d’Amore, Meine Liebe Barcelona

La Barcelona. Icona di stile che sta alla Knoll Studio come le C speculari di Chanel

La Barcelona. Icona di stile che sta alla Knoll Studio come le C speculari di Chanel.

Essenziale, pulita, funzionale. Figlia di Ludwig Mies Van de Rohe, architetto razionalista figlio a sua volta del movimento tedesco del Bauhaus che vide in quegli anni un rinnovo da quei decori atti a disturbare la semplice funzionalità dell’oggetto stesso (benvenuto minimalismo giapponese).

Le descrizioni tecniche le lasciamo ai venditori, possiamo accennare che Mies la ridisegnò nel 1950 lasciando alla Knoll i diritti esclusivi di produzione nel 1953. Le sedie originali hanno il logo dello studio e la firma di Mies stampate sulla struttura. Questa poltrona fu come una finestra aperta verso il moderno portando una ventata d’aria fresca al World Arts Fair, un’esposizione universale che vide la presenza di diversi ufficiali europei e dei reali di Spagna tenutasi a Barcellona nel 1929.

Il governo tedesco affidò la progettazione del proprio padiglione e gli arredi a Mies, che realizzò un edificio moderno con vetro, acciaio e quattro tipi di marmo e come unica forma di arredamento le due poltrone “regali” che furono usate come troni per il re e la regina in occasione della loro visita.

Demolito sei mesi dopo la fine dell’esposizione, venne ricostruito nel 1983 nella sua posizione originale a Montjuïc in Av. Marques de Comillas con la ricollocazione delle Barcelona dove tutt’ora si possono ammirare; senza tempo, moderne allora e moderne oggi… e, sicuramente, domani.

Previous post

Ciao Elio, una Vita per l'Arte e La Moda

Next post

Interior Styling With Nature's Forces

The Author

Redazione

Redazione