LifeStyle

Dolcezza Minimal

Il termine Wagashi indica la tradizionale pasticceria giapponese, solitamente servita nel corso del cerimoniale del tè, per una pausa in dolcezza minimal.

Con il termine Wagashi si indica la tradizionale pasticceria giapponese solitamente servita nel corso del cerimoniale del tè, composta prevalentemente da ingredienti vegetali. La nomenclatura utilizzata consiste, per ogni tipo di dolce, in una combinazione di termini desunti dalla natura e termini della letteratura antica.

L’arte pasticcera giapponese si discosta notevolmente da quella italiana. Al nostro palato alcuni dolci possono sembrare davvero strani, per consistenza e sapore, ma si tratta, ad ogni modo, di un mondo meraviglioso da scoprire. Deliziosi i Daifuku, dolcetti di riso pressato, composti da riso glutinoso farcito da pasta di fagioli azuki e disponibili in molte varietà, e gli Anmitsu, cubetti di gelatina alla frutta serviti in una ciotola con pasta dolce di fagioli azuki, piselli lessati e fette di pesca, ananas e ciliegie.

Dolci non troppo dolci insomma, anche perché nell’antichità in Giappone lo zucchero era molto raro e per lo più veniva usato come medicamento: si era soliti, dunque, utilizzare lo sciroppo ottenuto dall’ebollizione del succo d’uva.

Previous post

Palace Hotel

Next post

ГРАНАТ ИААРИ

The Author

Redazione

Redazione