LifeStyle

Argilla e tecnologia

Un nuovo strumento per Euterpe

Megaphone è un amplificatore passivo per iPhone. Il progetto nasce da una riflessione sull’uso della tecnologia, elemento quasi imprescindibile negli oggetti che oggi ci circondano. La tecnologia è ormai dentro ogni cosa, l’energia viene consumata per produrre gli oggetti, per farli funzionare, per dismetterli.

Enrico Bosa e Isabella Lovero in arte En&Is hanno voluto creare un prodotto assolutamente lowtech, un prodotto che faccia riflettere sull’importanza delle cose, sul valore potenziale che ha tutto ciò che ci circonda; in netta contrapposizione è l’oggetto tecnologico per eccellenza, il cellulare, largamente utilizzato, che diventa talvolta status symbol.

Cercando di mettere in pratica i saggi insegnamenti dei nostri nonni, si è ottimizzato quello che già si aveva riducendo gli sprechi, concentrandosi sull’enfatizzazione, la valorizzazione e il potenziamento di ciò che già si aveva a disposizione e lavorando sulla resa audio dell’iPhone, già buona ma non sufficiente per un ascolto “da sala” studiando come amplificare il suono in maniera passiva, senza l’uso di altra energia per il funzionamento, cercando il giusto equilibrio tra forma e funzione in un’ottica di ottimizzazione della resa acustica e della forma estetica dell’oggetto partendo anche dai materiali scelti che rispettano l’ambiente e che vivono a contatto con l’uomo fin dalla preistoria: il legno e la ceramica.

La ceramica è un materiale vitreo che aiuta a far vibrare il suono, mentre il treppiede è in legno massiccio e riduce al minimo l’area d’appoggio della ceramica. L’idea è stata concepita, sviluppata e prodotta interamente in Italia. I materiali per la realizzazione del Megaphone sono tutti italiani. Dal treppiede in noce nazionale all’amplificatore in ceramica estratta a Montelupo Fiorentino, a pochi chilometri da Firenze.

Ecco quindi che l’uomo torna ad essere scopritore della realtà che lo circonda, ricomincia a studiare a fondo ciò che possiede per sfruttarlo al meglio, e torna a sorridere di fronte ad un “magico” risultato. Diciamo magico perché, non appena viene posizionato l’iPhone in cima a Megaphone, l’effetto che l’insieme genera è veramente sorprendente.

Previous post

Una poltrona d’amare

Next post

I L.O.V.E. Milano

The Author

Redazione

Redazione