LifeStyle

Un’oasi di pace alla SPA Terme Merano

Con i rigori invernali torna la voglia di circondarsi di calore

L’inverno è una stagione affascinante per i suoi colori e sapori, ma porta con sé il desiderio di una pausa da tutti gli impegni lavorativi ed extra, che a volte rischiano di mettere subito a dura prova il relax goduto durante la ormai lontana estate. Ecco perché è importante, soprattutto in questo periodo, prendersi una pausa, magari anche solo un giorno, ma di esclusivo e totale relax. Le Terme Merano sono la meta di benessere nel cuore della città e la pausa invernale che diventa l’occasione ideale per affrontare, con energia ed entusiasmo, il nuovo anno.

Inverno, tempo di sauna 
Con i rigori invernali torna la voglia di circondarsi di calore. Oziare in sauna mentre il tempo scorre e l’unico pensiero è il proprio benessere, abbandonarsi al profumo aromatico delle erbe, sentire il beneficio del tepore nel corpo e nello spirito. Ma non è solo una questione di piacere, anzi la sauna in questo periodo è particolarmente utile per rinforzare il nostro organismo e prepararlo ad affrontare la stagione fredda. Non è un caso che proprio in dicembre le Terme Merano offrano le Pools & Sauna Special Nights: una serata al mese in cui piscine e saune rimangono aperte fino alla mezzanotte.

Speciali ambientazioni in piscina, con proiezioni e giochi di colore, gettate di vapore in sauna, menu tematici nel giardino d’inverno. All’interno delle Terme Merano si può usufruire di diversi tipi di saune, tra cui due ambienti di recente realizzazione: la sauna finlandese esterna, con una superficie totale di 85 metri quadrati e panche distribuite su 3 livelli, una temperatura che oscilla tra i 90 e i 100°C, umidità pari al 10%.

Il bagno di vapore Trauttmansdorff, abbastanza grande per poter ospitare la stufa della sauna e poter così fare normalmente anche le gettate di vapore con spezie e aromi diversi, la temperatura qui oscilla tra i 42 e i 45°C mentre l’umidità è pari al 100%. Ci sono poi il Caldarium, il Sanarium o biosauna e per la fase di raffreddamento, accanto a getti e vasche di acqua fredda, assolutamente da provare l’originale Sala della neve a -12° C, una stanza tutta ricoperta di vera neve fresca.

Previous post

Gian Paolo Barbieri

Next post

Her Majesty the "Elizabeth Cabinet"

The Author

Manuela Blandino

Manuela Blandino