LifeStyle

RISE OF FLAMES by Frederik Roijé

Gotico, rococò, minimalista.

Il lampadario candelabro di Frederick Roijé sembra – usando un gioco di parole – “riflettere” più stili in un’unica forma: si innalza con i suoi bracci verso il cielo come le guglie delle cattedrali gotiche, ricco di candele e di luce quasi a sfidare i tanti lampadari settecenteschi delle più belle corti europee, minimalista nel sapiente uso di semplici tubi di metallo piegati ad arte per ottenere un insieme compositivo armonico e scenografico.

Niente di superfluo solo “punto, linea, superficie” a voler prendere in prestito il titolo di Kandinsky. Un candelabro importante, sicuramente non per tutti gli interni,  ma di sicuro impatto visivo. “Un lampadario è iconico nel campo dell’illuminazione, dà calore e crea un’atmosfera immediata” un’atmosfera che ci porta alla mente quegli interni dipinti dai pittori del nord, dove il bianco minimale delle pareti contrastava con i pochi arredamenti essenziali e nei vestiti neri di chi vi abitava.

Nero protestante, nero onesto e serio per osannare la volontà di Dio, così professò Martin Lutero, e noi dopotutto gli crediamo se ogni cosa che riguarda la serietà nel lavoro dai giudici, agli avvocati a ogni forma in cui la legge o la disciplina è rappresentata indossa colori neri o scuri. Questa scelta di rigore nella vita pubblica e privata ha influenzato e continua a influenzare il gusto dei paesi del nord dove l’essenzialità delle forme e il rigore estetico fanno di un’oggetto di design un oggetto funzionale e pulito.

 

Previous post

Sacher Spa Vienna: la cerimonia del cioccolato

Next post

CELATO by R&D De CASTELLI

The Author

Redazione

Redazione