LifeStyle

LONGPLATE. PER CHI MASTICA MUSICA

Un piatto piano di per sé si avvicina molto nella forma a quella del disco Lp.

Longplate nasce a tavola – manco a dirlo – mentre in una trattoria del centro di Milano, alla radio si percepiscono i riff dei Led Zeppelin.

Non sarebbe male mangiare su un vinile“. Ecco che il rigurgito semantico desta più scalpore delle ragazze che si alzano e fanno lo slalom tra i tavoli troppo ravvicinati. Martino Lapini e Domenico Montemurro, coppia creativa di fatto, non lasciano cadere l’idea nel piatto e si mettono a lavorare sul progetto che prende il nome di Longplate. Comincia così la creazione di un vero e proprio marchio, da parte di due creativi solitamente impegnati a occuparsi di comunicazione di brand.

longplate00-1024x684 LONGPLATE. PER CHI MASTICA MUSICA   PackPiccolo-1024x683 LONGPLATE. PER CHI MASTICA MUSICA longplate01-1024x682 LONGPLATE. PER CHI MASTICA MUSICA

Un piatto piano di per sé si avvicina molto, nella forma, a quella del disco Lp. L’idea di Martino e Domenico è stata semplice: dare al piatto l’appeal di un vinile, scanalature comprese, il suo colore e una grafica che strizzi l’occhio a un genere musicale e contemporaneamente al mondo del cibo. Con ironia e creatività.

Ancora neonati, i piatti Longplate sono stati scritturati per partecipare da protagonisti a un format gastro-musicale che, guarda caso, si chiama Il Mangiadischi e unisce l’estro di un celebre chef a quello di un noto cantante.

E questo è solo l’inizio perché un simile piatto-vinile ha tutte le carte in regola per diventare un oggetto di culto, un cimelio celebrativo di un evento musicale, un ricordo di un grande concerto, su cui consumare grandi esperienze culinarie oppure da appendere perché il ricordo torni in vita ogni volta che lo vedo.

Per questo il progetto Longplate non si esaurirà con la prima serie ma continuerà a cavalcare, con nuove idee, la grande armonia tra mondo della musica e mondo della tavola.

I piatti Longplate sono 6, ognuno con una grafica diversa. Misurano 28 cm di diametro al prezzo di 19,90 cadauno, sono antigraffio, vanno in lavastoviglie e rispondono alle certificazioni di qualità che garantiscono la conformità del prodotto a standard nazionali di sicurezza, igiene e appropriatezza di materiali/oggetti in contatto con generi alimentari destinati al consumo.


Dove si possono trovare questi piatti che suonano così bene? Presso gli store de La Rinascente Milano, da Emporium a Riccione, Erresse Monza e in tutti gli store che mano a mano aderiranno a questo felice abbinamento musica/cibo. Sul sito sarà continuamente aggiornata la lista e si potrà anche ordinare direttamente.

Il progetto Longplate non si esaurirà con la prima serie ma continuerà a cavalcare con nuove idee la grande armonia tra mondo della musica e mondo della tavola.

Il tour dei Longplate è in continuo aggiornamento e può essere seguito sulla pagina fb www.facebook.com/piattilongplate

Stay tuned. Longplate. Taste is playing.

 

Previous post

REBUS

Next post

MOSAICOOL. IL TAVOLO MUTASUPERFICIE CHE STIMOLA LA CREATIVITÀ

The Author

Redazione

Redazione