LifeStyle

CAPRIOLE CAFÈ, L’AIA

Bureau Fraai converte una ex fabbrica di vernici in un caffè bar, ristorante e un centro business.

Gli architetti Rikjan Scholten e Daniel Aw dello Studio Bureau Fraai di Amsterdam, hanno trasformato una ex fabbrica di vernici a L’Aia in un coffe bar, ristorante e centro business dove è possibile gustare miscele e piatti biologici.

Particolare attenzione è stata affidata al bancone del bar completamente in acciaio e alla grande macchina da torrefazione posta al suo lato. Interconnesso con le travi, definiscono e danno rigore all’interno del locale creando un particolare colpo d’occhio all’intera struttura.

Bureau-Fraai_Capriole-Café_12_3600x3600px CAPRIOLE CAFÈ, L'AIA

Le piccole finestre esistenti dell’edificio sono state sostituite da ampie vetrate in acciaio alte 5 metri, con porte che si aprono verso la terrazza e il porticciolo di fronte, in un’esperienza immersiva totale di ogni aspetto della produzione e del consumo del caffè.

Se il piano terra è occupato dalla zona “ristoro”, il primo piano, formato da un soppalco in vetro e acciaio creato al centro dell’edificio, ospita un centro di formazione per baristi, uno showroom, un ufficio e una sala riunioni in perfetto stile industrial.

Bureau-Fraai_Capriole-Café_03_5400x3600px CAPRIOLE CAFÈ, L'AIA

Bureau-Fraai_Capriole-Café_08_5400x3602px CAPRIOLE CAFÈ, L'AIA

Sia i vari livelli che compongono l’edificio, come l’entrata che ospita il logo che i servizi igienici sono composti da acciaio anodizzato in contrasto con l’arredo dei tavoli e degli armadi in quercia e ottone andando a spezzare le tonalità degli interni in bianco e nero. Le lampade a sospensione come quelle da terra sono state disegnate e create appositamente dallo Studio Fraai.

Il Capriole Café è uno dei primi concetti di ospitalità nato nel quartiere di “Binckhorst” a L’Aia, che da qui a dieci anni si trasformerà attraverso un piano di riqualifica generale in una zona residenziale e commerciale.


Foto di René van DongenPascal Striebel

Previous post

MARIO GIACOMELLI. LA COLLEZIONE DELLA CITTÀ DI LONATO DEL GARDA

Next post

RONALD MARTINEZ. SOLO SHOW

The Author

Redazione

Redazione