LifeStyle

LINGER A LITTLE LONGER

Basta che il piano del tavolo o della panca in rovere nero raggiunga i 27 gradi per fissare qualsiasi “impronta” sulla sua superficie

Sobrio, essenziale ed elegante, il tavolo e la panca creati dal designer di origine australiana Jay Watson, vanno oltre il semplice arredamento formale. Sì perché se fino ad ora gli elementi erano solo funzionali per lo scopo costituito: sedersi per leggere, mangiare o bersi una tazza di caffè, i mobili progettati da Jay interagiscono con chi ne fruisce, lasciando un’impronta chiara e definita attraverso una finitura termocromica che risponde al calore di qualsiasi piatto, tazza o parte del corpo.

Basta che il piano del tavolo o della panca in rovere nero raggiunga i 27 gradi per fissare qualsiasi “impronta” sulla sua superficie che andrà a svanire in un gioco di presenza/assenza nel tornare a temperatura ambiente.

linger_03 LINGER A LITTLE LONGER

linger_04 LINGER A LITTLE LONGER

Come in un negativo fotografico, Linger a Little Longer – che letteralmente sta per Trattenersi un po’ troppo – vi farà passare seduti più tempo del solito per una chiacchierata o una tazza di caffè, con la certezza che lavorare o semplicemente raccogliersi tra amici su questo tavolo non possa che essere un divertimento nell’ inventarsi nuove forme… non siate blasfemi però, voi non siete Dio e quella non è una sindone, piuttosto divertitevi in coppia.

Previous post

CROSS THE STREETS

Next post

San Domenico Abate

The Author

Redazione

Redazione