LifeStyle

CIHANGIR HOUSE

Piccolo ma buono

Questo piccolo appartamento di 41 mq nel vivace quartiere di Cihangir a Istanbul è la conferma del proverbio: “nella botte piccola c’è il vino buono”. Progettato da Escapefromsofa con sede proprio nella città che fu di Costantino. Il complesso sembra funzionale per chi lo abita esattamente come un coltellino svizzero. Tutto è organizzato e posto con attenzione e cura per limitare gli ingombri e trovare la giusta collocazione in uno spazio minimo senza arrecare disturbo.

Le tonalità dei colori che vanno dal marrone al grigio, al bianco e al nero si sposano perfettamente con il pavimento in legno scuro utilizzato per tutta la casa dando una percezione di apertura e connettendo tutto l’appartamento in una soluzione di continuità che lo fa percepire come molto più ampio di quello che in realtà è. Tutti gli arredamenti di modernariato dialogano tra loro e l’ambiente non appesantendolo, ma anzi, donando una sensazione di ordinata leggerezza, dove il divano di velluto grigio scuro e con le gambe in legno ben si affianca alla sedia in pelle e legno, mentre la pratica scaffalatura dalla struttura leggera in ferro nero e assi di legno posta alla parete di fondo va a completare la stanza personalizzandola dai vari suppellettili dei padroni di casa.

Gli arredamenti che si potrebbero considerare materialmente più pieni sono l’armadio di fondo in legno chiaro e con le ante in vetro, che oltre che alla sua funzione contenitiva è di sicuro impatto scenico e i tavolini/sgabelli posti nella zona living e nella camera da letto.

8_bleech CIHANGIR HOUSE

La cucina è funzionale e dispone di tutto, assicurando così agli inquilini di dover uscire di casa per usufruire di servizi come lavatrice o asciugatrice. I ripiani sono tutti bianchi, sollevabili o pieghevoli dove al loro interno si celano ben nascosti alla vista gli elettrodomestici preservando così la sensazione di ordinato che contraddistingue la casa.

La zona notte, minimalista è costituita da un semplice letto e un armadio a scomparsa, alla parete un quadro tondo nero con animali al centro, spezzano le tonalità del bianco asettico. Tutti gli elementi extra come i manifesti o le fotografie riescono a infondere al piccolo appartamento carattere attraverso i colori e la disposizione ordinata e precisa sulle pareti.

Al posto delle tende alle finestre si è optato per delle veneziane in modo da regolare l’entrata della luce del sole, e dal momento che l’appartamento si trova all’ultimo piano dell’edificio non è mai buio o cupo. Il balcone di 21 mq, avvolge per metà la casa creando un tramite tra quotidiano cittadino esterno e quotidiano abitativo privato. Il tutto è piccolo, contenuto, ordinato e con una spiccata personalità.


 

Previous post

ZWICKYPEDIA

Next post

DA GIOTTO A MORANDI. Tesori d’arte di Fondazioni e Banche italiane

The Author

Redazione

Redazione